Caciocavallo silano DOP

Nella vasta e a volte generica produzione di “caciocavalli” o “provoloni” del Sud Italia il Silano rappresenta una riserva delimitata dalla denominazione di origine, risalente al 1993. A dispetto del nome non si produce solo in Sila ma in cinque regioni del Sud Italia, o meglio nei loro distretti minuziosamente specificati nel disciplinare. Una caratteristica importante del Silano è la filatura della pasta a mano, che permette di ottenere la morbidezza ideale (i macchinari al contrario danno prodotti piuttosto “gommosi”).

Caratteristiche organolettiche

Aspetto
pasta paglierina compatta, elastica, con poca occhiatura
Sapore
intenso, caratteristico, più forte e piccante se stagionato
Abbinamenti
Vini bianchi o rossi, birre chiare. Confettura di pomodori rossi, confettura piccante di pomodoro verde. Pane “ciabatta”

Caratteristiche tecniche

Latte
vaccino, intero, crudo
Lavorazione
artigianale
Pasta
filata
Salatura
in salamoia
Stagionatura
minimo 15 giorni
Produzione
annuale
Grassi
38% Mgss
Peso
1-2,5 kg
Dimensioni
diametro 10-15 cm
Produttori
casari dei Comuni del Sud Italia elencati nel disciplinare
Codice forma
n.d.
Codice tagliato
n.d.

Iscriviti alla nostra newsletter

Per sapere prima di tutti quel che succede nel mondo Guffanti: appuntamenti, nuovi prodotti, iniziative e approfondimenti.
Privacy policy