Casciotta di Urbino DOP

Si narra che in passato tra gli estimatori delle celebri caciotte dell’urbinate ci fosse anche Michelangelo Buonarroti, che arrivò a prendere in affitto alcuni terreni ad Urbania per assicurarsene un approvigionamento costante. La “Casciotta [secondo la pronuncia dialettale locale] di Urbino” ha ricevuto la denominazione di origine nel 1982 (unica fra le numerose caciotte del Centro Italia). Viene prodotta mescolando un 70% di latte ovino con un 30% di latte vaccino.

Caratteristiche organolettiche

Aspetto
pasta paglierina morbida, compatta, con occhiatura rada. Le forme sono avvolte in paraffina per impedirne la disidratazione
Sapore
dolce, fresco, con le note del latte ovino
Abbinamenti
Vini bianchi. Mostarda di pomodori verdi. Pane toscano

Caratteristiche tecniche

Latte
vaccino-ovino, intero, pastorizzato
Lavorazione
artigianale e industriale
Pasta
cotta, pressata
Salatura
a secco
Stagionatura
minimo venti giorni
Produzione
tutto l’anno
Grassi
45% Mgss
Peso
0,8-1,2 kg
Dimensioni
diametro 12-16 cm, h. 5-7
Produttori
caseifici aderenti al Consorzio di produzione della Casciotta di Urbino
Codice forma
n.d.
Codice tagliato
n.d.

Iscriviti alla nostra newsletter

Per sapere prima di tutti quel che succede nel mondo Guffanti: appuntamenti, nuovi prodotti, iniziative e approfondimenti.
Privacy policy