Maccagnetta celebrativa

Questo classico cacio appartiene ad una numerosa famiglia di formaggi insaporiti con erbe aromatiche, farine e spezie tipiche del Piemonte nordorientale. La forma (che può avere diverse fantasie), viene data manualmente, mediante strizzatura del telo in cui viene raccolta la cagliata. La ricopertura non aveva solo scopo decorativo o gastronomico, ma serviva in origine come protezione antiossidante e antibatterica per agevolare la conservazione del formaggio: è una variante della consuetudine, un tempo molto diffusa e ancora oggi sporadicamente praticata, di aggiungere le spezie direttamente nella pasta del formaggio. La crosta, aromatizzata con farina di mais, non deve essere eliminata, ma piuttosto consumata insieme al formaggio, che in questo modo viene degustato al meglio del suo sapore.

A seconda delle celebrazioni (Natale, Pasqua, ricorrenze particolari) il casaro dona forme diverse ai formaggi, utilizzando speciali formine in metallo.

 

Caratteristiche organolettiche

Aspetto
pasta avorio-paglierina, morbida e omogenea, lievemente occhiata. La crosta è ricoperta con un trito farina di mais
Sapore
Intenso, ricco, con le note del mais che ricopre il formaggio
Abbinamenti
Vini rossi, corposi e non troppo invecchiati. Mostarda d’uva. Pane tipo baguette

Caratteristiche tecniche

Latte
vaccino, intero, crudo
Lavorazione
artigianale
Pasta
cruda, non pressata
Salatura
a secco
Stagionatura
minimo un mese
Produzione
tutto l'anno
Grassi
45% Mgss
Peso
0,3 – 0,5 kg ca
Dimensioni
diametro 10-20 cm
Produttori
Casaro sulle colline di Orta
Codice forma
6200003

Iscriviti alla nostra newsletter

Per sapere prima di tutti quel che succede nel mondo Guffanti: appuntamenti, nuovi prodotti, iniziative e approfondimenti.